• Francesco Meloni

I 10 segreti per i ritratti agli sconosciuti

Aggiornato il: feb 28

Ritratti agli estranei

Quelli di noi che amano questo genere sanno che fotografare qualcuno non è solo catturare le sue caratteristiche. Fotografare qualcuno, davvero, significa aver sviluppato un senso che va oltre la fotografia. Dobbiamo VEDERE la persona, non solo la sua superficie.



Senza dubbio questo è il genere che mi appassiona di più di tutta la fotografia. Tuttavia, il grande svantaggio è che hai bisogno di un modello, che non è sempre a portata di mano.

Fortunatamente, c'è una soluzione: Gli Sconosciuti.Che è una fonte inesauribile.Perché la strada è piena non solo di modelli, ma di personaggi autentici degni della miglior foto.

Ecco i miei 10 trucchi per ottenere (finalmente) quei ritratti tanto attesi dagli sconosciuti.


Conosci la tua attrezzatura

Pensi sempre che un grande fotografo usi una grande attrezzatura, ma non è sempre così.Aiuta, ma non è imprescindibile utilizzare un'attrezzatura costosa.

Tuttavia, non esiste un buon fotografo che non conosca perfettamente la sua attrezzatura e che non sappia esattamente quali siano le sue virtù, i suoi difetti e i suoi limiti.

Vi do alcuni esempi con la mia risposta personale:

Qual è la massima sensibilità ISO che sei disposto a raggiungere prima di perdere qualità? Dalla mia esperienza con la mia fotocamera (Nikon D800) non mi piace superare i 3200. Ovviamente parlando sempre di ritratto urbano.

Qual è la distanza minima di messa a fuoco del tuo obiettivo? Diciamo che uso 50 mm F1.8. Bene, allora non posso scattare foto a meno di 45 cm. Semplicemente non funziona a meno di quella distanza.

Quanto dura una batteria? 500-600 scatti. Ecco perché porto sempre 2.

Quanto è veloce la messa a fuoco della tua fotocamera? Ad esempio, 50 mm è lento (quindi per gli scatti rubati è rischioso) ma leggero, 24-70 pesante, ma ottimo compromesso per avere un ampia copertura focale.

Hai capito, vero? Se vuoi essere bravo, devi porti in anticipo questi tipi di domande o rischi di incasinarti nel pieno del lavoro, compromettendo la qualità delle tue fotografie.


Prova

Ok, e come faccio a sapere tutto ciò? Facile: PROVA.

Non puoi immaginare la quantità di ritratti che ho provato con peluches, luci di ogni tipo, autoritratti, amici, animali domestici, ecc.

È il modo migliore per prepararti prima di raffrontarti con gli sconosciuti. Certo, se hai il coraggio di andare dritto per loro, ottimo. Questo è solo l'approccio di base.


Lasciati ispirare

Sicuramente se stai leggendo questo è perché hai visto alcuni ritratti muori dalla voglia di imitarli. Per scattare buone foto è essenziale osservare e studiare buone foto.

Ogni volta che esco per fare ritratti di estranei, o vado a fare una sessione o, in breve, ogni volta che provo qualcosa di fotograficamente impegnativo, passo un po di tempo a vedere le foto che mi ispirano.

A volte faccio anche un elenco come con la lista della spesa, per segnarle come "fatte" e non tornare a casa senza nessuna di quelle foto.


La strada

Ora che sappiamo cosa vogliamo e come raggiungerlo, sei più che pronto per uscire con la fotocamera.

Un momento

Non sai dove andare? Vai in strada.

Cosa sei stanco del lavoro? Vai in strada.

Non hai tempo? Vai in strada, anche solo per 10 minuti.

Hai capito, vero?

I ritratti agli sconosciuti non si cercano, si trovano.


Non ascoltare quella voce

Quando sei preso dalla ricerca di queste foto, succederà che la tua voce interiore inizierà a dirti frasi del tipo:

- Quant'è brutta la luce oggi. - Non disturbare quella persona. - Nessuno sembra disposto a farsi fotografare. - Non mi va di fare foto oggi. - Non sono abbastanza bravo per farlo. - Sarei dovuto uscire per fare paesaggio. - Dai, conservo la fotocamera e se vedo qualcosa la tiro fuori. - È un superfoto, ma non so come chiedergli di posare. - Si dai, col prossimo ci provo. - Ecc.

Tutte quelle frasi sono lì per distruggere le tue foto. È così semplice Se le ascolti, non farai una foto decente. Farai alcune foto ad alcuni fiori e tornerai a casa.

Dovresti anche sapere che queste frasi non scompaiono un giorno per non tornare mai più. SONO SEMPRE QUI. Io, non importa quanto esco, le sento sempre nella mia testa.

Sono un muro che deve essere abbattuto ogni giorno.

Ecco perché i ritratti urbani sono così difficili e così apprezzati. Non solo devi essere bravo a scattare, ma devi esercitarti tantissimo.

E poi cosa facciamo?

Bene, quello che faccio è questo:

- Ricordo quelle foto che ho perso alcune volte per aver ascoltato quella vocina. Mi dico: " No, oggi non mi freghi". Forza.


Pensa all'immagine prima di parlare

Puoi commettere l'errore di trovare un bellissimo ritratto e fiondarti come un matto per lui.

Potresti avere la fortuna che quella persona accetti. Ti ritroverai improvvisamente a dover pensare quel ritratto in decimi di secondo.

E raramente sarà meglio di chi ha usato qualche secondo in più per analizzare:

- Quali sono le sue caratteristiche? Come posso evidenziarle? - Che sfondo utilizzo? - Bianco e nero o colore? - Posso includere qualche suo elemento?

Pensa qualcosa prima.


Come approcciare

Soggetto trovato e foto pensate. Come approcciamo?

Inutile dire che abbiamo approfittato di quei secondi precedenti per, oltre a pensare alle foto, anche capire cosa sta facendo o magari pensando.

Non siamo nel mezzo di una rapina in cui proviamo a ritrarre il ladro (che sarebbe anche una superfoto).

Alcuni consigli:

- Fornisci un breve motivo per cui chiedi la foto. Esempio: «Ciao, sto facendo un reportage sulla città e mi piacerebbe che tu ci fossi». - Fai un piccolo complimento. Dico piccolo per non interrompere il momento. Questo è particolarmente importante nelle foto drammatiche. Esempio: "Sto cercando persone appariscenti e tu mi sembri perfetto/a". - Mostrati professionale ... o no. C'è chi vuole la notorietà, e poi chi si lascia fotografare solo se pensa che la foto non andrà lontano.

Analizza.


Parla mentre scatti

Ciò richiede pratica, ma dà alle foto agli estranei quella vita di cui hanno bisogno.

Se fai le domande giuste, la persona si dimenticherà della fotocamera e farà le espressioni relative alla conversazione. Questo è oro puro. Questo evita la "faccia da fototessera".

Prova diverse angolazioni

Dall'alto, dal basso, da un lato, di profilo, guardando l'obbiettivo, figura intera, etc...

C'è sempre tempo per cancellare senza rimpiangere l'ottima foto che non hai scattato.


Edita

Questo è il punto 10, ma è il 40% della foto.

Se ci sei dentro, significa che sei andato a pescare e hai realizzato qualcosa. Quindi ora tocca a te cucinarlo per esaltarne il sapore.

Tutte le foto di qualsiasi fotografo degno di nota vengono modificate.

Tutte.

100%.

Al cento per cento.

Il motivo è che sappiamo tutti che ogni buona foto modificata è migliore.L'editing può contribuire così tanto a una fotografia, che puoi anche contrassegnare lo stile solo con il modo in cui modifichi.

E non è qualcosa di estremamente complicato.

Io ad esempio, ho imparato sperimentando.

E infine: mostra le tue foto al mondo.

4 visualizzazioni

Join our mailing list

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon

© 2019 by Francesco Meloni Photography

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now